Fisiokinesiterapia

L’intervento fisiokinesiterapico ha lo scopo di aiutare a migliorare, recuperare e/o mantenere le capacità motorie il cui sviluppo è ostacolato dalla disabilità.


La FKT facilita l’organizzazione delle funzioni motorie; può essere effettuata per permettere, ad esempio, ad un bambino di acquisire il controllo del capo o per migliorare le sue competenze visive o per migliorare la sua capacità di mantenere la posizione seduta o di spostarsi nell’ambiente.


È possibile effettuare interventi di FKT anche con bambini piccolissimi di 2-3 mesi o con soggetti affetti da una disabilità grave, per i quali sono prioritari obiettivi di prevenzione o contenimento delle complicanze o di lieve miglioramento delle capacità motorie.

Il fisioterapista, in base alla valutazione effettuata, dopo aver formulato un bilancio della situazione motoria e di sviluppo del soggetto (attraverso l’osservazione diretta e le informazioni raccolte dai caregiver e dagli altri professionisti della salute), propone un piano riabilitativo, articolato in cicli di sedute e proposte specifiche, che mirano all’acquisizione di abilità e al superamento delle difficoltà collegate al danno neurologico.

Anche la famiglia partecipa alla riabilitazione seguendo le informazioni, le indicazioni e i consigli del fisioterapista.

 

Migliorando le capacità individuali nelle attività quotidiane, rieducando l'individuo, l'ambiente e la famiglia, la fisioterapia interviene ed accompagna nel raggiungimento dei risultati.