Psicomotricità

La psicomotricità ha lo scopo di migliorare le capacità di relazione e di comunicazione del bambino, facendo leva su interventi di natura corporea. Il neuropsicomotricista stimola, dunque, nel bambino la relazione con il proprio corpo e propone situazioni terapeutiche che abbiano l’obiettivo di aiutarlo a esprimersi e ad apprendere come comunicare con gli altri.


Lo psicomotricista utilizza un contesto ludico, in un ambiente appropriato (colorato e “morbido”) come momento di apprendimento, soprattutto quando il bambino è molto piccolo.